Riflessioni

Datemi una macchina del tempo

Se avete letto il mio WWW Wednesday #5 (qui), saprete che ho avuto a che fare con “Controcorrente” di J.K. Huysmans. Non è mia intenzione fare una recensione di questo romanzo, piuttosto preferirei offrirvi una riflessione che prende spunto da una frase presente in quest’opera.

Nel capitolo XIV il protagonista Des Esseintes pensa:

In realtà quando l’epoca in cui un uomo di talento è condannato a vivere è stolta e monotona, l’artista è, a sua stessa insaputa, ossessionato dalla nostalgia di un altro secolo.

Ora, io non mi considero assolutamente una persona di talento, ma sento anche io questa nostalgia per un secolo passato e credo che sia un sentimento condiviso da tutti coloro che hanno accolto l’arte, in tutte le sue forme, nella loro vita ed è in questo senso che io li definirei artisti.

libri

Personalmente ho sempre guardato al passato con ammirazione e desiderio, sognando di vivere in un’epoca diversa dalla mia, la stessa epoca che ha visto protagonisti i personaggi dei romanzi che mi hanno rapito l’anima. Vorrei essere vissuta nel Medioevo, ma come uomo, perché fin da piccola mi piacevano le storie dei cavalieri senza macchia e senza paura. Avrei voluto vivere nel Quattrocento a Firenze e immergermi nella vivacità culturale delle corti rinascimentali. Dentro di me so che il mio posto probabilmente sarebbe in una sala da ballo dell’epoca Regency e, chissà, magari mi sarei fatta autografare da Jane Austen la prima edizione dei suoi romanzi. Però devo ammettere che anche la Belle Époque è molto affascinante. Vogliamo poi parlare dei ruggenti Anni Venti? Ballare il Charleston e partecipare a qualche seduta spiritica così di moda: qualcosa a metà tra Il Grande Gatsby e Magic in the moonlight. Devo ammettere che adoro anche gli anni Cinquanta, soprattutto per i vestiti.

Abbiamo sempre l’impressione che il passato possa darci quello di cui abbiamo bisogno, che apparentemente la società in cui viviamo ci nega. Ma come ci insegna Woody Allen nel bellissimo Midnight in Paris, non troveremo mai soddisfazione: il fascino del passato sta proprio nel fatto che ormai è irraggiungibile. Lo idealizziamo perché in esso riversiamo tutte le nostre fantasie e aspettative, credendo di potervi ritrovare tutto ciò che la realtà in cui siamo costretti a vivere non ci offre.

mip

Quindi a ben pensarci forse è un bene essere nata nel 1991. Probabilmente nel Medioevo sarei morta di peste, e per godermi appieno la vita nel Quattrocento e nel primo Ottocento sarei dovuta nascere in una famiglia agiata. La prima metà del Novecento è stata segnata dalle atrocità dell’uomo durante le due guerre mondiali e se anche fossi stata la figlia di un duca, questo non avrebbe impedito ad una bomba di cadermi in testa. Forse il XXI secolo ha tantissime carenze, ma ho deciso di non lamentarmi: in fondo, fossi nata in un altro periodo, non avrei avuto la doccia con l’acqua calda, le serie tv, le automobili e soprattutto non avrei fatto parte della generazione Harry Potter. Per quanto ci siano centinaia di altri libri che amo, niente mi ha regalato più emozioni della saga scritta dalla Rowling: sono cresciuta insieme ad Harry e non avrei potuto farlo in nessun altro periodo. In fondo, frequentare Hogwarts è il sogno di milioni di persone, ma neanche se avessimo a disposizione una macchina del tempo si potrebbe realizzare.

hogwarts

Accontentiamoci del momento presente e se vogliamo sognare e immaginare di vivere in un altro secolo possiamo sempre aprire un libro e lasciarci trascinare dalla magia delle pagine. I libri sono le machine del tempo più efficaci che abbiamo: per un periodo di tempo limitato siamo in grado di estraniarci dal mondo e fare viaggi incredibili, grazie all’incantesimo della parola scritta.

Annunci

4 thoughts on “Datemi una macchina del tempo

      1. Bella domanda….per apprezzare le cose belle dei periodi passati e in ogni caso sceglierei il Rinascimento,dovrei anche appartenere a qualche famiglia agiata.La poverta’ che dilagava nel passato era,da quanto si sa’,orrenda. byeeee!:)

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...