Recensioni

Una donna di classe

Oggi torno a parlarvi della mia amatissima Georgette Heyer, precisamente del suo ultimo romanzo Una donna di classe. Dal momento che questo è diventato  il mio campo di studi, credo che troverete diversi articoli su questa autrice e le sue opere: mi auguro di non annoiarvi, anzi, la mia più grande speranza è che qualcuno possa scoprire e apprezzare le incredibili doti di questa donna.

coverQuesto romanzo fu pubblicato nel 1972 con il titolo Lady of Quality e si tratta dell’ultimo romanzo completato dalla Heyer prima di morire due anni dopo. La protagonista della vicenda è Annis Wynchwood, bella, ricca, di buona famiglia, ma ha ventinove anni ed è ancora nubile. Decisa a vivere da “zitella”, ma libera da qualsiasi legame, Annis prende la decisione di trasferirsi a Bath, una città vicina alla sua casa natale, ma ricca di intrattenimenti. Nonostante l’opposizione del fratello, Lord Geoffrey Winchwood, Annis è determinata a vivere liberamente la sua vita: è maggiorenne, ha molto denaro a sua disposizione e non ha alcuna intenzione di  sottostare alle decisioni di altre persone. Dopo molte discussioni, Geoffrey accetta la decisione della sorella, a condizione che prenda con sé la vecchia cugina Maria Farlow, una donnetta insopportabilmente logorroica, in qualità di chaperone. Durante il viaggio verso Bath, Annis e la cugina si imbattono in due giovani, fermi in mezzo alla strada a causa di un piccolo incidente alla loro carrozza. Si tratta di Lucilla e del suo amico Ninian: la ragazza è fuggita dalla custodia della zia per ribellarsi al matrimonio combinato con Ninian. Per quanto i due possano essere amici, non hanno alcuna intenzione di trascorrere la vita insieme. Annis, divertita da una situazione così assurda, decide di aiutare i due ragazzi, e si incarica di ospitare Lucilla nella sua casa a Bath, introducendola alla vita mondana, per tutto il tempo per cui non si risolve la situazione della ragazza. Purtroppo Annis deve fare i conti con lo zio e tutore di Lucilla, Oliver Carleton, un individuo cinico e spesso scortese.

Anche in questo caso, Georgette Heyer non smentisce le sue grandi qualità di scrittrice, a partire dalla rappresentazione dei personaggi. Non si può non ammirare Annis, per il suo carattere determinato, per la sua voglia di indipendenza e il suo desiderio di vivere al meglio delle sue possibilità. A_Lady_of_QualityAma la vita mondana, ama circondarsi di amici e prendere le proprie decisioni. Prendere Lucilla sotto la sua protezione le apre uno scenario nuovo: per la prima volta, è lei ad svolgere il ruolo di chaperone, e inizia ad adattarsi  quella che chiama “una vita da zitella”. C’è questa sensazione di malinconia nel vedere una donna volenterosa, bella e capace di divertirsi, convincersi lentamente del fatto che la sua vita sia destinata a alla solitudine. La sua dama di compagnia, la signorina Farlow, è una sorta di promemoria di quello che potrebbe essere il futuro di Annis: è vero che Lady Winchwood ha molto denaro a sua disposizione, tuttavia c’è questa paura inconscia di diventare come Maria Farlow.

Fortunatamente, l’incontro con Oliver Carleton aiuta Annis a riprendere il suo ruolo di dama giovane e affascinante. LadyofQuality_fullcoverInizialmente i due si scontrano per quanto riguarda la tutela di Lucilla: Oliver crede che una donna così giovane non possa occuparsi adeguatamente della nipote e non perde mai occasione per sottolinearlo. Subito Annis, donna di grande classe, è offesa dai modi bruschi e dal linguaggio rude di Oliver, ma ben presto si accorge che in quell’uomo si nasconde un degno avversario della sua acutezza. Inevitabilmente il sentimento di rispetto si trasforma in qualcosa di più, ma Annis è restia a lasciarsi andare: innanzitutto, la certezza dell’opposizione del fratello, ma soprattutto il timore di perdere l’indipendenza conquistata frena Lady Winchwood dall’accettare la proposta di matrimoni di Oliver.

Vi siete convinta di preferire una vita solitaria, e questo, se l’alternativa era vivere con vostro fratello e vostra cognata, è perfettamente comprensibile. Vi siete a tal punto abituata alla vostra solitudine che mutarla vi sembra impensabile; tuttavia ci pensate. Per questo la vostra mente è nel caos. Se pensaste che continuare a vivere sola sia infinitamente preferibile al vivere con me, avreste rifiutato di sposarmi senza un attimo di esitazione. […] Vi ho colto di sorpresa e minaccio di capovolgere la vostra vita ordinata; e non sapete se questo vi piaccia o vi ripugni.

Il dubbio di Annis è un dubbio comune: libera, ma a che prezzo? L’amore è un ostacolo alla libertà? È molto facile immedesimarsi in Annis e nella sua situazione: chi è che non avverte la necessità di allontanarsi dalla famiglia per vivere una vita indipendente? Non che lei sia in cattivi rapporti con il fratello, al contrario è molto affezionata sia a lui, sia alla cognata Amabel e ai suoi nipotini. Eppure, la necessità di vivere da sola, la spinge ad andare contro le convenzioni di una società che considera il matrimonio come unica strada rispettabile. Perché accettare una qualunque proposta? Annis sa quello che vuole, ma Oliver è l’elemento inaspettato. E quando mai la vita è sempre pianificata?

8876221

Vogliamo poi parlare di Maria Farlow, detto anche l’essere più insopportabile mai esistito? Già nel mio articolo precedente su Georgette Heyer vi avevo parlato di quanto fosse brava nel tratteggiare personaggi indimenticabili, soprattutto quelli con marcate caratteristiche che vengono esaltate ai limiti dell’assurdo. La signorina Farlow è l’essere più logorroico della Terra. Parla, parla, parla fino ad portare il lettore ad un esaurimento nervoso.

Oh, mille scuse, non sapevo! È davvero riprovevole da parte mia interrompervi così, e naturalmente non l’avrei mai fatto se James mi avesse informato che avevate ospiti! Ma non ha detto una sola parola, mi ha soltanto liberato dei pacchetti, sapete, poiché è stato lui ad aprirmi, non il caro Limbury, che probabilmente era impegnato nella dispensa, mentre io avrei voluto che desse il pacco grande alla signora Wardlow, e portasse gli altri in camera mia, cosa che ha detto avrebbe fatto, e poi abbiamo scambiato alcune parole su come il vento ti sferzi a ogni angolo, e su come sia orribilmente ripida la collina, in modo particolare quando si è carichi di tutti quei pacchetti come, ovviamente, ero io, cosa che mi ha ridotta senza fiato, oltre a scompigliarmi in modo abominevole!

Leggendo i dialoghi interminabili dello chaperone di Annis mi veniva da ridere, non tanto per la comicità del personaggio in sé, ma piuttosto perché pensavo a quanto mi ricordasse alcune persone che conosco nella vita reale. Avete presente, no? Quelle che per dirti che hanno comprato un vestito nuovo devono parlarti della dieta, delle analisi del sangue, del vicino di casa, della spesa, del fratello del nipote del cugino…  Aiuto!

palmers_pump_room

I dialoghi son un capolavoro: frizzanti, divertenti e vivaci, degni una rappresentazione teatrale: soprattutto quando si tratta dei battibecchi tra Lucilla e Ninian, è impossibile non lasciarsi trascinare da liti nate per i motivi più futili. In questo romanzo si intrecciano e si oppongono molte coppie: Lucilla e Ninian, i giovani che si stanno affacciando alla vita, che credono di essere adulti, ma spesso e volentieri si lasciano andare a comportamenti infantili; Geoffrey e Amabel, che rappresentano l’unione affettuosa e tranquilla, quella che la Heyer cercava per sé nella vita; infine Annis e Oliver, intelligenti e vitali. Intorno a loro ruotano una serie di personaggi minori, ognuno con un ruolo ben preciso, e si muovono nella città di Bath, ricostruita dall’autrice in ogni minimo dettaglio.

L’ultimo romanzo della Heyer non delude le aspettative, anzi dimostra che il suo talento è stato in grado di produrre un altro piccolo capolavoro ambientato nell’epoca Regency.

Annunci

6 thoughts on “Una donna di classe

        1. Sophie la grande, il Dandy della Reggenza e La pedina scambiata sono stata ripubblucati da Astoria in traduzione integrale. Altri li puoi trovare in vecchie edizioni (il mio preferito è il figlio del diavolo)

          Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...