Serie TV

Versailles, la serie tv

Buongiorno! Inauguriamo il 2016 parlando di una serie tv che mi è piaciuta davvero molto: Versailles. Si tratta di uno sceneggiato franco-canadese trasmesso qualche mese fa. Come intuirete facilmente dal titolo, la vicenda ha come centro la costruzione della maestosa reggia fuori Parigi.

In realtà, il palazzo di Versailles fa da sfondo alla narrazione principale, che vede intrecciarsi le storie dei vari personaggi che si muovono intorno al Re Sole.

critique-versailles-serie-roi-louisxiv-chateau-de-versailles

Luigi IX ha ventotto anni e vuole creare una Francia potente, in grado di competere con gli altri Stati europei; ma, per farlo, ha bisogno di ricondurre l’aristocrazia sotto il proprio controllo. Come i pianeti girano intorno al sole, così i membri della corte francese devono muoversi intorno al sovrano, assecondandolo in tutti i suoi desideri. Il modo migliore per sorvegliare ogni minima mossa dei nobili è quello di tenerli il più vicino possibile, in modo che il capo della sicurezza Fabien possa svolgere il suo lavoro più facilmente.

tumblr_inline_nz07x35qwA1twp6rn_1280.png

È ovvio che la decisione del re non viene accolta favorevolmente da tutti quanti: molti nobili si rifiutano di trasferirsi a Versailles e trovano oltraggioso il fatto di dover dimostrare con dei documenti il loro lignaggio: inizia, così, un braccio di ferro tra Luigi IX e alcuni aristocratici capeggiati da Cassel. Come se non bastasse, i fronti di guerra sono numerosi: la minaccia di Guglielmo d’Orange e della Spagna, la fragile alleanza con gli Inglesi, le resistenze ugonotte e le ribellioni dei soldati-operai. Il pericolo maggiore per il giovane sovrano, infatti, risiede in un complotto che unisce i dissidenti ugonotti a Guglielmo d’Orange e si appoggia a qualche membro della cerchia dei fedeli di Luigi: i traditori della corona francese si muovono nell’ombra, desiderosi di veder cadere il re e il suo palazzo d’oro.

Il sovrano è circondato dall’odio e dall’ipocrisia e diventa difficile comprendere di chi si possa fidare. Intorno a lui, infatti, si muovono moltissimi personaggi, tutti ben caratterizzati. Personalmente, i miei preferiti sono: Philippe, il fratello di Luigi. fanart-original-300280-3-jpg-360x270È un uomo dalle mille sfaccettature, fedele al fratello, ma desideroso di essere messo alla prova, stanco di essere messo da parte. Il suo rapporto con Luigi è di amore-odio: uniti dal sangue e da Henriette, i due si scontrano innumerevoli volte e faticano molto a trovare un equilibrio. Luigi non sopporta del tutto la relazione del fratello con LeChevalier e gli invidia anche il coraggio dimostrato in battaglia e il carisma nei confronti dell’esercito.

14ff2d93b68755aac15abc046434be0b

Anche Henriette ricopre un ruolo notevole: giovane, bella e gentile è l’amante preferita di Luigi, ma è sposata con Philippe. Lei ama moltissimo il sovrano, ma è anche affezionate a Philippe, per questo soffre doppiamente: davanti alla relazione del marito e ogni volta che Luigi sceglie un’altra donna con cui trascorrere la notte. Sembra assai fragile, ma sa dimostrare di muoversi bene tra le acque infide della corte francese, dimostrando determinazione e astuzia.

Altri personaggi affascinanti sono Bèatrice, una nobile dal passato segreto, pronta a tutto pur di mantenere un posto per lei e la figlia a Versailles. Poi c’è Fabien, il capo della sicurezza, implacabile contro i nemici, intelligente e fedelissimo al re. Infine non si può non parlare di Claudine, la figlia del medico di corte, molto più preparata ed intuitiva del padre, al punto da sostituirlo quando il suo intervento è richiesto a corte: un altro esempio di forza femminile, che va contro i pregiudizi e le superstizioni.

A fare da sfondo alle vicende intrecciate di tutti questi personaggi troviamo la splendida reggia di Versailles, ancora in fase di costruzione: mentre lei cresce, si rafforza parallelamente il potere di Luigi, determinato a rendere la Francia uno Stato potentissimo.

ob_e3b10

Ora, io non sono una storica, ma l’impressione che ho avuto da questo sceneggiato è molto positiva: la ricostruzione dei fatti, per quanto fantasiosa, mi risultava plausibile. Le dieci puntate che costituiscono la serie sono ben realizzate, capaci di coinvolgere lo spettatore, senza annoiarlo con un ritmo lento. Incantevole l’ambientazione e di grande talento gli attori, da quello che interpreta Luigi fino alla cameriera: insomma, una serie consigliata!

 

Annunci

2 thoughts on “Versailles, la serie tv

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...