Giovani Lettori · Recensioni

“Uno di noi sta mentendo” di Karen M. McManus

Un video porno amatoriale. Un allarme gravidanza. Due tradimenti. E queste sono solo le notizie dell’ultima settimana. Uno che conoscesse la scuola superiore di Bayview solo dall’app dei pettegolezzi di Simon Kellher, si domanderebbe dove lo trova la gente il tempo di frequentare le lezioni.

“Notizie vecchie, Bronwyn” dice una voce alle mie spalle. “Aspetta di vedere il post di domani”

Maledizione. Odio essere beccata a leggere Senti Questa, e a maggior ragione dal suo creatore. Abbasso il cellulare e sbatto lo sportello dell’armadietto. “A chi rovinerai la vita stavolta, Simon?”

Gli studenti del liceo di Bayview dovrebbero sempre rigare dritto, perché ogni loro bugia, ogni loro segreto viene rivelato ogni settimana dall’app di Simon, un ragazzo che ha deciso di vendicarsi di chi lo ha sempre trattato male rivelando ciò che molti vorrebbero tenere nascosto.

Se da un lato il ragazzo è antipatico a gran parte dagli studenti, dall’altro è innegabile che la sua applicazione Senti Questa abbia notevole successo.

Le cose cambiano quando un pomeriggio Simon si ritrova a trascorrere un ora di punizione con altri quattro ragazzi: Cooper, l’atleta, il ragazzo d’oro; Bronwyn, la studentessa modello; Nate, il ragazzo con problemi con la legge e, infine, Addy, la ragazza con la vita perfetta.

Ad un certo punto, inspiegabilmente, Simon muore.

Dopo poco tempo la polizia inizia ad indagare per omicidio e Addy, Cooper, Bronwyn e Nate si ritrovano ad essere i principali sospettati. Sì, perché il post che Simon intendeva pubblicare aveva proprio loro quattro come protagonisti. E si scopre che nessuno è davvero come appare…

L’intreccio del romanzo è ben costruito, piano piano emergono nuovi elementi che infittiscono la trama, arricchendo l’indagine di nuove piste. Chi è il vero colpevole?

Il lettore viene catapultato nella vicenda fin dalle prime pagine, pungolato dalla curiosità di scoprire la verità. I capitoli sono narrati dai quattro ragazzi che erano con Simon quando è morto e l’alternarsi dei loro punti vista permette di calarci più in profondità nella storia e, allo stesso tempo, di conoscere meglio i quattro protagonisti.

img_0399

Addy è una ragazza tranquilla, carina, felice: quello che vuole è essere perfetta. La fidanzata perfetta, la figlia perfetta, l’amica perfetta. Senza problemi, senza colpe, senza segreti. Cerca di coprire un errore commesso, ma quando verrà a galla e la sua maschera di ragazza perfetta andrà in frantumi, finalmente tirerà fuori la sua vera personalità, quella di una Addy coraggiosa e determinata.

Bronwyn è la più ambiziosa del gruppo, la studentessa che punta ad università prestigiosa, che lotta per raggiungere i suoi obiettivi e proteggere chi le sta a cuore, come una leonessa.

Nate sembra il classico cattivo ragazzo, quello dal qual bisogna stare alla larga, ma scoprendo la sua storia, le difficili condizioni in cui vive, non si può fare a meno di provare simpatia per lui e di ammirare la forza con cui combatte ogni giorno, anche per costruirsi un futuro migliore.

Infine Cooper, un ragazzo educato, sempre gentile, l’orgoglio della famiglia e del suo allenatore. Al contrario di Nate, lui non ha bisogno di costruirsi un futuro, perché davanti a lui c’è una strada lastricata d’oro, ma basterebbe una parola di troppo perché tutto crolli.

Sono quattro ragazzi molto diversi tra loro, ma accomunati dal fatto che ognuno nasconde un segreto che, se rivelato, cambierebbe le loro vite.

Non posso aggiungere altro per non rovinare la lettura, ma si tratta di un accattivante giallo Young Adult, con una trama ben costruita. Inoltre, essendo ambientato al liceo, affronta una serie di tematiche relative all’adolescenza molto importanti, prima di tutti il cyberbullismo.

978880468575HIG

Uno di noi sta mentendo spinge a riflettere molto sul ruolo che i social svolgono nella vita delle persone, soprattutto perché tutto quello che viene pubblicato online può essere letto da moltissime persone e difficilmente può essere rimosso dalla rete. Credo che uno dei lati peggiori dei social è che non si possa avere il controllo completo dei contenuti, che reazioni e commenti assumano proporzioni gigantesche, con conseguenze a volte pesanti per le persone coinvolte.

Lettura altamente consigliata a chi ama i gialli, con qualche spunto di riflessione e anche per i fan di Pretty Little Liars e Tredici.

Un pensiero riguardo ““Uno di noi sta mentendo” di Karen M. McManus

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...