Attualità · Classifiche

Premio Strega 2021, i dodici finalisti

Buongiorno lettrici e lettori.

Di articoli sui neo-finalisti del Premio Strega 2021 ne troverete ovunque in rete, ma ci tenevo comunque a condividere con voi la lista e metterci il mio tocco personale. Inserire le trame di dodici libri in un articolo, infatti, sarebbe stato eccessivo, per cui ho deciso di proporvi ogni copertina accompagnata da poche parole chiave, che secondo me esemplificano bene la trama del romanzo.

Alla fine dell’articolo proporrò il mio personalissimo podio, basato esclusivamente sul mio istinto, dato che non ho ancora letto nessun libro della dozzina. Vi invito a fare lo stesso nei commenti! Facciamo insieme un “toto Strega” e a giugno vedremo chi è che ha il dono dell’indovino.

Donatella di Pierantonio, Borgo Sud, Einaudi

Parole chiave: sorelle, segreto, ritorno.


Edith Bruck, Il pane perduto, La nave di Teseo

Parole chiave: memoria, salvezza, storia vera.


Teresa Ciabatti, Sembrava bellezza, Mondadori

Parole chiave: tempo, incidente, donne.


Emanuele Trevi, Due vite, Neri Pozza

Parole chiave: scrittori, ritratti, amicizia.


Andrea Bajani, Il libro delle case, Feltrinelli

Parole chiave: luoghi, Io, Storia.


Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita, Ponte alle Grazie

Parole chiave: madre, frattura, catarsi.


Giulia Caminito, L’acqua del lago non è mai dolce, Bompiani

Parole chiave: ingiustizia, violenza, parabola sociale.


Lisa Ginzburg, Cara pace, Ponte alle Grazie

Parole chiave: famiglia, domande, ferite.


Giulio Mozzi, Le ripetizioni, Marsilio

Parole chiave: indolenza, realtà e immaginazione, disordine.


Daniele Petruccioli, La casa delle madri, TerraRossa

Parole chiave: rapporti famigliari, borghesia, generazioni.


Alice Urciuolo, Adorazione, 66thand2nd

Parole chiave: fascismo, omicidio, estremi.


Roberto Venturini, L’anno che a Roma fu due volte Natale, SEM

Parole chiave: miscela di generi, sogno, separazione.


Eccoli qua, in tutto il loro splendore. Ho segnato un paio di titoli in agenda nella sezione “libri che vorrei comprare se avessi il tempo di leggerli tutti”; nel frattempo, condivido con voi il mio personalissimo podio:

  1. Edith Bruck, Il pane perduto, La nave di Teseo
  2. Teresa Ciabatti, Sembrava bellezza, Mondadori
  3. Giulia Caminito, L’acqua del lago non è mai dolce, Bompiani

Che ne pensate? Siete d’accordo? Sono curiosa di conoscere le vostre impressioni e i vostri podi: commentate qui sotto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...