Recensioni

“La confraternita degli storici curiosi” di Jodi Taylor

Il dottor Bairstow si schiarì la gola. “Dal momento che non ha avuto l’istinto di darsela a gambe, ora farà l’altro giro”Lui sorrise e rimescolò il tè.”Ha mai pensato quanto sarebbe meglio se, invece di contare sull’archeologia, su resoconti inaffidabili e, diciamocelo pure, supposizioni, potessimo effettivamente tornare a un evento storico ed esserne testimoni diretti?…… Continua a leggere “La confraternita degli storici curiosi” di Jodi Taylor

Recensioni

“Un’insolita Mary” di S. M. Klassen

“Non potrò mai dimenticare il fatto che mentre stavo per dare alle stampe il primo libro della mia casa editrice, nel mondo si cominciava a parlare di covid-19, e nel giro di un battito di ciglia la nostra vita, la nostra quotidianità è completamente cambiata.” In uno dei momenti più difficili che ci siamo trovati…… Continua a leggere “Un’insolita Mary” di S. M. Klassen

Riflessioni

L’intraducibilità dell’arte

Anche oggi vorrei parlare di traduzione, ma in un modo un po’ inconsueto. La mia riflessione nasce nell’ambito di un corso che sto seguendo all’università, Studi di Danza, tenuto dal professor Pontremoli (uno dei docenti più brillanti e stimolanti che ho incontrato nella mia carriera universitaria). Fin dalla prima lezione ho realizzato che un corso…… Continua a leggere L’intraducibilità dell’arte

Riflessioni

I misteri della traduzione: quando un bocciolo diventa un’anima

Se dico Nathaniel Hawthorne, la prima cosa che vi viene in mente è il suo romanzo più famoso, La lettera scarlatta. Quando l’ho letto per la prima volta, in italiano nella traduzione di Fausto Maria Martini, non mi è piaciuto molto. Mi ricordo di aver pensato che fosse lento e un po’ troppo moralistico, insomma noioso.…… Continua a leggere I misteri della traduzione: quando un bocciolo diventa un’anima

Riflessioni

L’incipit di “Lolita” (parte 2)

Dopo un primo capitolo introduttivo, Nabokov continua il suo romanzo cominciando a raccontare delle sue origini: descrive genitori e nonni, una zia, luoghi e tempi lontani. È soprattutto in questa parte dell’incipit di Lolita che si comincia davvero ad apprezzare lo stile dell’autore. Leggendo i due paragrafi che mi erano rimasti da tradurre, infatti, ho…… Continua a leggere L’incipit di “Lolita” (parte 2)